Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

Spaced Out Gianluca Milesi: esercizi di architettura

5,00 €

Aggiungi al carrello

SESV Spazio Espositivo di Santa Verdiana
Firenze, 16-30 maggio 2003

maggio 2003
brossura cucito
cm 15x15; pp. 48
65 illustrazioni a colori e in b/n

88-7461-013-0 italiano/inglese

«Nelle acque territoriali fra il mondo perduto della prima machine age, carico dei simboli dello scorso secolo (le geometrie platoniche, il razionalismo delle strutture, le forme del cemento e dell’acciaio) e le ancora inesplorate isole del digitale, i parassiti fluidi di Milesi navigano con rotte zigzaganti» (Cesare Birignani).

Realizzato in collaborazione con il SESV Spazio Espositivo di Santa Verdiana, il volume è introdotto da un intervento di Milesi intitolato Displacements e dal saggio Industriale-digitale: cemento, acciaio e bits di Cesare Birignani. Segue la presentazione di una scelta di progetti, articolata in quattro sezioni tematiche: Genesi, Gioco, Programma, Alterazione.

Gianluca Milesi vive e lavora a New York e Milano. Lo studio, organizzato in maniera libera e flessibile, si occupa di architettura, interior design, progetti teorici e installazioni stabilendo continue relazioni tra sperimentazione e aderenza alla realtà. L’approccio, simile a quello del fare artistico e multidisciplinare, è pur sempre legato ai modi, alle condizioni e alle tecniche dell’architettura. Il metodo di lavoro è indipendente dalla scala, dal tipo e dal grado di definizione dei progetti. Alcuni progetti seguono un programma preciso, altri sono provocazioni. Tutti tendono ad assumere un’unica logica operativa e una propria consistency. L’introduzione di una dislocazione formale e concettuale, l’uso di computer e media digitali, l’utilizzo di alte e basse tecnologie, l’attenzione al design alle diverse scale sono gli elementi caratterizzanti della sua produzione. Alcuni dei lavori recenti sono stati premiati in occasione di concorsi, esibiti e pubblicati in Italia e all’estero e selezionati per la Biennale di Venezia.

I lavori dello studio sono raccolti sotto il nome di “science-architecture”. Aurelia Duplouich fa parte dello studio dal 2002. Samantha Bertolotto, Cesare Birignani, Federico Cappellina, Verdiana de la Penn, Lory Laera, Alessandro Orsini e Thomas Tsang hanno collaborato con le loro specifiche conoscenze a diversi progetti.