Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

prodotti in evidenza

Bronzino

50.00

Benedetto Luti

L'ultimo Maestro

Rodolfo Maffeis

 
PRODOTTO ESAURITO

di Rodolfo Maffeis

prefazione di Edgar Peters Bowron

maggio 2012
cartonato
24,5 x 29 cm, 412 pp.
42 illustrazioni a colori e 340 in b/n

978-88-7461-155-3 italiano

Vissuto in un secolo di ambizioni enciclopediche e attraversato da movimenti internazionali, Benedetto Luti fu nel suo tempo un pittore importante e celebre. Per tutto il Settecento parlano di lui le opere compilative di biografie d’artisti, sia di parte romana sia di parte fiorentina, così come la letteratura artistica francese e inglese.
È costante la sua collocazione a sigillo della scuola fiorentina e, come ultimo grande di quella tradizione travasata a Roma, in stretto contatto e continuità con Carlo Maratti.
Nato a Firenze nel 1666, visse l’ultima stagione della committenza medicea come allievo di Anton Domenico Gabbiani; nel 1691, all’età di 25 anni, fu inviato a Roma sotto la protezione del granduca Cosimo III, che gli concesse di abitare e di tenere bottega in Palazzo Medici in Campomarzio, dove risiedette per tutta la vita con la moglie e i quattro figli. Frequentò attivamente l’Accademia di San Luca, di cui divenne Principe nel 1720, e la Congregazione dei Virtuosi del Pantheon, di cui fu Reggente nel 1708 e 1709.
Pittore riflessivo, rigoroso, perfezionista, autore di uno stile inimitabile (Lanzi) per lo studio estremo in cui lo raffinò, dipinse poco per le chiese di Roma ma divenne celebre per i dipinti di soggetto mitologico, ricercati dai maggiori mecenati del tempo, da Pietro Ottoboni a Clemente XI Albani, dall’elettore palatino Johann Wilhelm a Lothar Franz von Schönborn, per interessamento del quale ricevette nel 1715 la croce di Cavaliere del Sacro Romano Impero. 
Il suo stile è la quintessenza dell’ideale d’Arcadia, che all’inizio del Settecento impresse la sua azione riformatrice contro gli eccessi del tardo barocco per un ritorno a forme pure, semplici, di ispirazione classica, nella  linea maggiore dell’arte  italiana che da Raffaello conduce  fino a Canova. In particolare  la posizione di Luti nella pittura romana a cavallo del secolo  lo  identifica come  trait d’union fra il classicismo barocco di Carlo Maratti e il rococò cristallino di Pompeo Batoni: in una parola, fra Sei e Settecento.
La monografia di Rodolfo Maffeis, la prima dedicata al pittore, si compone di un approfondito saggio storico e biografico diviso in due parti  (una dedicata all’attività toscana, l’altra alla vita e alle opere nella capitale), una sezione di 42 tavole a colori, un catalogo ragionato di tutti i dipinti, i pastelli e i disegni (110 schede scientifiche e 340 immagini in bianco e nero). Al catalogo completo delle opere segue un regesto dei documenti d’archivio riguardanti il pittore e un’appendice con ulteriori contenuti documentari.