Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

prodotti in evidenza

Paesaggi della memoria/Landscapes of Memory

Gli acquerelli romani di Ettore Roesler Franz dal 1876 al 1895/The Roman Watercolours of Ettore Roesler Franz, 1876-95

Maria Elisa Tittoni, Federica Pirani, Maria Paola Fornasiero

40,00 €

Aggiungi al carrello

a cura di Maria Elisa Tittoni, Federica Pirani, Maria Paola Fornasiero

catalogo della mostra: Roma, Museo di Roma in Trastevere, 19 dicembre 2007-24 marzo 2008

brossura cucito con bandelle
cm 24,5x29; pp. 288
124 illustrazioni a colori

978-88-7461-114-0 italiano/inglese

La mostra (Roma, Museo di Roma in Trastevere, 19 dicembre 2007-24 marzo 2008) dedicata a Ettore Roesler Franz nel centesimo anniversario della scomparsa, avvenuta il 26 marzo 1907, rappresenta un’occasione unica per conoscere meglio l’opera dell’artista romano che fissò nei suoi acquerelli i “paesaggi della memoria”, documenti insostituibili per ricostruire la fisionomia urbanistica e sociale di Roma e dei suoi dintorni nella seconda metà dell’Ottocento.

L’opera più rappresentativa di Roesler Franz – il ciclo di 120 acquerelli intitolato Roma pittoresca e oggi meglio noto come “Roma sparita”, dipinto nell’arco di vent’anni e acquistato in più riprese dal Comune di Roma – registra l’aspetto della città prima delle radicali trasformazioni urbanistiche e architettoniche che interessarono la capitale dopo il 1870 ed è pervasa di struggente nostalgia per un mondo che di lì a poco sarebbe scomparso per sempre.

A una selezione di 79 acquerelli della Roma pittoresca si aggiungono in mostra altre opere significative: l’acquerello che documenta la prima visita a Roma capitale del re Vittorio Emanuele II durante l’inondazione del dicembre del 1870 (oggi al Museo Centrale del Risorgimento) e – provenienti da collezioni private – il ritratto di Ettore Roesler Franz eseguito da Giacomo Balla, L’alba dopo la notte di San Giovanni, sintesi delle suggestive atmosfere della festa del 24 giugno, e 15 acquerelli dedicati a paesaggi ed acquedotti della campagna romana.

Il catalogo delle opere è introdotto da saggi che delineano efficacemente il contesto artistico e culturale in cui Roesler Franz operò mettendo a fuoco aspetti significativi della sua carriera e della sua personalità: il rapporto di affinità intellettuale con lo storico Ferdinand Gregorovius; la fortuna delle sue esposizioni e le trattative con il Comune di Roma; la passione per la fotografia, indagata in rapporto all’opera dipinta attraverso un’analisi puntuale degli scatti oggi conservati all’Archivio Alinari di Firenze; il tessuto sociale e produttivo di occupazioni e mestieri oggi scomparsi documentato negli acquerelli dedicati al Tevere; l’identificazione talora problematica dei soggetti rappresentati; la famiglia, i viaggi, gli interessi, l’eredità materiale e artistica.

Indice del volume

Presentazioni
W. Veltroni
G. La Francesca
S. Di Francia

M.E. Tittoni, Ettore Roesler Franz «romano per nascita e per lingua»
P.E. Trastulli, Ettore Roesler Franz. Identificazione della prima serie degli acquerelli di “Roma sparita” acquistata dal Comune di Roma nel 1883
F. Pirani, Acquerelli e fotografie di “Roma sparita”. Tra memoria del passato e cronaca del presente
D. Occhiuzzi, Legnaroli, pescatori e molinari: i mestieri fluviali nella Roma pittoresca
M. Corsi, Un problema di titolazione negli acquerelli della “Roma sparita”
P. Roesler Franz, Testamento e ricordi di Ettore Roesler Franz

Catalogo
Opere esposte
Schede

M.C. Biagi, Ettore Roesler Franz: cenni biografici

Esposizioni
Bibliografia