Nessun prodotto nel carrello

SHOP

LIBRI

Art Shop
Il Grande Museo del Duomo

Ricerca avanzata

Picasso e la modernità spagnola

Eugenio Carmona

39,00 €

Aggiungi al carrello

a cura di Eugenio Carmona
 
catalogo della mostra: Firenze, Palazzo Strozzi, 20 settembre 2014-25 gennaio 2015
 
brossura cucito con bandelle
24,5 x 29 cm, 256 pp.
illustrazioni a colori
 
isbn 978-88-7461-241-3 italiano
isbn 978-88-7461-242-0 inglese
 
L’autunno e l’inverno di Palazzo Strozzi a Firenze tornano a fare luce sull’arte moderna con un nuovo importante evento dedicato al più grande maestro della pittura del XX secolo: Pablo Picasso. La mostra e il catalogo presentano un’ampia selezione di opere del maestro che permettono di riflettere sulla sua influenza e sul confronto con importanti artisti spagnoli come Joan Miró, Salvador Dalí, Juan Gris, María Blanchard, Julio González: l’arte che riflette sull’arte e sul rapporto tra realtà e sopra-realtà, lungo i numerosi e variegati rapporti con le correnti d’avanguardia, il surrealismo e l’astrattismo in primis; l’impegno dell’artista nella tragedia storica, con l’emergere del mostro dal volto umano; e la metafora del desiderio erotico come fonte privilegiata di creazione e visione del mondo. “Picasso e la modernità spagnola” accoglie circa 90 opere della produzione di Picasso e di altri artisti tra dipinti, sculture, disegni, incisioni provenienti dal Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. Tra le opere esposte sono presenti celebri capolavori come il Ritratto di Dora Maar, la Testa di cavallo e Il pittore e la modella di Picasso, Siurana, il sentiero di Miró e inoltre i disegni, le incisioni e i dipinti preparatori di Picasso per il grande capolavoro Guernica, mai esposti in numero così elevato fuori dalla Spagna. Il catalogo è arricchito dalla presenza delle biografie di ciascuno degli autori in mostra e di una corposa antologia di articoli dell’epoca che testimoniano il fervente clima intellettuale e filosofico da cui l’opera di Picasso, Dalí, Miró ha tratto ispirazione e infiniti motivi di riflessione.