Cart 0
SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA SOPRA I 10 €

In books we trust

In books we trust

logo-slide

In evidenza Gli ultimi titoli scelti per voi

MandrAgorà

Spazio dedicato al dialogo e allo scambio di idee su temi di attualità legati all’arte e alla cultura, animato dalle voci dei maggiori esperti e conoscitori della materia, critici, studiosi, appassionati. Un’occasione di crescita attraverso il confronto, memori dell’importanza civica dell’antica agorà – a quel concetto ispirati e sempre debitori.

Ciliegia

Arte e scuola: confini e sfide di una missione pedagogica

Come avviene l’incontro tra Arte e infanzia? E tra Arte e adolescenza? Cosa produce, cosa comporta? Con quali divergenze e, al contrario, punti di contatto? E, soprattutto, che responsabilità possiede e quali sfide deve affrontare l’insegnante?

Non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare.

– Socrate

Parola d’autore dà voce ad alcuni dei nostri autori, interrogati circa la propria esperienza, storia e motivazione a offrirci il loro contributo prezioso.

Un anno con l’arte

Andrea De Marchi ci racconta il suo calendario artistico giornaliero: Artgram 2021

Intervista a Stefano Antonio Marchesi

L’autore ci parla del suo libro Valguarnera. Una storia barocca

Dentro il libro mette a fuoco il testo, riportandone un estratto e offrendone una breve nota analitica che dona una diversa prospettiva di lettura.

Brunelleschi e la Cupola. Architettura a misura di bambino

Alla scoperta dei segreti della Cupola con Filippo Brunelleschi. Un viaggio nella Firenze delle botteghe, degli artisti e delle grandi opere di architettura.

Margherita Guidacci, un’esigenza di chiarezza

Gloria Manghetti presenta una ricognizione critica sulla poetica e la fortuna di una autrice tra le più significative del nostro Novecento, Margherita Guidacci.

“La parola di Dio cresceva”. Lettera Pastorale 2020

Dopo le lettere pastorali Nel silenzio la Parola (2011) e Incontrare Gesù (2016), il cardinale scrive nuovamente alla comunità fiorentina, proponendo un’inedita riflessione che non prescinde dalle precedenti, ma che da queste prende avvio e queste completa.

La Terra Santa a Firenze. Le matrici del Museo di Casa Martelli

Intartaglia ci porta a scoprire una raccolta di matrici di stampa che era sfuggita all’inventario del 1986, documento sul quale si era basata l’acquisizione da parte dello Stato del palazzo di via Zannetti e che ha portato alla nascita del Museo di Casa Martelli a Firenze.

I duecento anni del Gabinetto scientifico-letterario G.P. Vieusseux

Sono iniziati i due anni di festeggiamenti per la prestigiosa istituzione fiorentina.

Chi siamo Il nostro profilo in breve

© James O'Mara

Chi è Mandragora Cenni storici e principio ispiratore

Fondata a Firenze da Mario Curia nel 1985, affiancato nel 1988 da Sandra Rosi, la casa editrice Mandragora è specializzata in libri illustrati, pubblicazioni d’arte e cataloghi, volumi fotografici, guide museali e monografie, libri per bambini, art-book. Gestisce inoltre i bookshop dell’intero complesso cattedrale fiorentino (Cripta di Santa Reparata, Campanile di Giotto, Museo dell’Opera di Santa Maria del Fiore).

L’internazionalità e la sensibilità alla scena artistica fiorentina sono per noi linee-guida: massima parte dei nostri volumi è tradotta in almeno quattro lingue e nasce da rapporti consolidati negli anni con importanti istituzioni.

Mandragora si distingue per la produzione di libri di grande qualità, che sono il risultato di una profonda cura per immagini e testi, frutto di un dialogo costante con gli autori. In un contesto come quello contemporaneo, dove il ritmo produttivo è sempre più serrato, ci interessa prima di tutto mantenere vivo il ruolo dell’editoria come ponte tra cultura e lettore.

La nostra sede è in via Capo di Mondo, pensata non solo come luogo di lavoro ma anche di riflessione culturale e apertura al nuovo: lo sottolinea la stessa disposizione degli spazi dell’edificio, opera dell’architetto Claudio Nardi, dove l’equilibrio tra i volumi e i materiali ospita tecnologie di ultima generazione.

La costruzione di questa sede, fortemente voluta dal fondatore, vuole essere un gesto d’amore per la città di Firenze e il suo patrimonio storico e culturale.