Cultura contro terrore
Il restauro dei Giocatori di carte di Bartolomeo Manfredi

,

a cura di Edoardo Lusena

La notte tra il 26 e il 27 maggio 1993 è indelebilmente incisa nella memoria di Firenze per il terribile attentato mafioso di via dei Georgofili. Un’autobomba imbottita di esplosivo uccide 5 persone, tra cui due bambine, e ne ferisce una quarantina; ne escono gravemente danneggiati anche alcuni ambienti della Galleria degli Uffizi e del Corridoio Vasariano. Il 27 maggio sarà la volta dei Giocatori di carte del pittore caravaggesco Bartolomeo Manfredi. Il volume ripercorre con ampio corredo iconografico l’operazione di recupero di quest’opera, compromessa dall’attentato, per mano della restauratrice Daniela Lippi e si giova di un saggio storico artistico di Maria Matilde Simari.
«Non so se questo possa definirsi restauro. Forse è più un recupero archeologico. Non si restituisce un’opera nella sua interezza, la sua visione estetica e i valori artistici, ma ciò che resta di essa dopo il terribile trauma. Resta un documento, una testimonianza di quell’evento terribile, che intende serbarne memoria ed essere un monito», ha testimoniato la restauratrice.

Eur 12,00

Peso 0.3 kg
Dimensioni 20 × 22.5 cm
Pagine

60

Rilegatura

Brossura cucito

Illustrazioni

40 a colori

Lingua

Italiano

ISBN

978-88-7461-392-2