Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra

, ,

a cura di Cecilie Hollberg

Alla Galleria dell’Accademia è conservato uno dei busti che Daniele da Volterra fece del maestro Michelangelo Buonarroti alla sua scomparsa. La mostra “Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra” per la prima volta riunisce nove busti simili, alcuni apparentemente quasi uguali, che riportano del grande maestro rinascimentale. Si tratta di un’occasione importantissima per offrire un raffronto diretto dei busti e per rivederne i dati, i documenti e la relativa bibliografia.
Daniele Ricciarelli, detto da Volterra fu non solo allievo di Michelangelo, ma anche amico stretto e di conseguenza lo conosceva benissimo. Per di più era presente alla morte del maestro il 18 febbraio 1564. Sappiamo che Lionardo Buonarroti, nipote di Michelangelo, alla scomparsa di questi non solo diede in affitto la casa a Daniele da Volterra, ma gli commissionò anche due ritratti in bronzo dello zio. Ed è dato per certo che il Ricciarelli abbia fatto un’impronta del volto del maestro deceduto, secondo un’usanza dei tempi.
Nonostante nei secoli vi siano stati vari tentativi di identificare le provenienze dei tanti busti esistenti, di creare famiglie o genealogie, a oggi ancora non abbiamo una risposta convincente. Il presente catalogo rappresenta una guida della mostra; a esso seguirà un volume più articolato con gli interventi di vari studiosi e i risultati delle loro ricerche.

Eur 8,00

Peso 0.27 kg
Dimensioni 21 × 27 cm
Pagine

36

Rilegatura

Brossura cucito con bandelle

Illustrazioni

19 a colori

Lingua

Italiano/Inglese

ISBN

978-88-7461-579-7

Anno