Firenze
Ricordo l’alluvione

,

di Bruno Santi

Dell’alluvione che il 4 novembre 1966 mise Firenze in ginocchio ebbero particolare diffusione le immagini che davano un’idea precisa della condizione della città: la fotografia ripresa dal piazzale Michelangelo, che mostrava gli edifici come isole in mezzo a una laguna giallastra e fangosa, così come la visione di piazza Santa Croce con lo spettacolo delle automobili rovesciate, dei tronchi abbattutisi sulle panchine, sul fango sparso sul selciato della piazza. E ancora, il piazzale degli Uffizi, quasi una corsia di piscina, i lungarni divorati dalle acque e il Ponte Vecchio, sventrato dai tronchi d’albero. È innegabile che quelle immagini così eloquenti abbiano sopraffatto le parole e gli scritti. Ma ciò che resta nella mente ha altrettanta importanza ed è indispensabile a chiarire meglio il significato e il valore delle immagini. I rumori, gli odori, la stanchezza, la visione più a largo raggio di quella indagata dagli obiettivi delle macchine fotografiche o da ripresa diventano patrimonio individuale e riportano in superficie impressioni che si ritenevano ormai obliterate e destinate all’archivio della memoria. Bruno Santi, torna con il ricordo ai giorni dell’inondazione dell’Arno e ci permette di entrare con la mente in un periodo di preoccupazioni, di fatiche fisiche, di indubbi disagi, ma anche di episodi di indiscutibile rilevanza e singolarmente presenti sia nella dimensione personale, sia nelle articolate e in parte positive esperienze condivise.
L’autore ci dà un ricordo toccante e partecipe di quei giorni angosciati e affannati e di chi ha dato il suo aiuto per risollevare la città, fornendo un modello a questo Paese tante volte devastato da analoghe calamità.

Eur 10,00

Peso 0.2 kg
Dimensioni 15 × 21 cm
Pagine

72

Rilegatura

Brossura cucito con bandelle

Illustrazioni

20 in b/n

Lingua

Italiano

ISBN

978-88-7461-319-9

Ti potrebbe interessare…