Volume esaurito

The Pittas Collection
Early Italian Paintings (1200-1530)

,

di Stefano G. Casu

prefazione di Everett Fahy

Il volume presenta una selezione di 54 opere della Collezione Pittas, offrendo un intenso panorama dell’arte italiana tra il Duecento e gli anni trenta del Cinquecento. Si tratta del primo studio approfondito dedicato a questa collezione privata, della quale non esiste ancora un catalogo.
Se alcuni dipinti sono noti alla letteratura artistica, altri sono inediti o poco noti al di fuori della ristretta cerchia degli specialisti. Nella collezione sono rappresentate in particolare la scuola senese e quella fiorentina, con il raro Maestro di Tressa e preziose tavole di Bernardo Daddi, Taddeo e Agnolo Gaddi, Ugolino di Nerio, per citare solo alcuni nomi. Non mancheranno di attirare l’attenzione opere di scuola veneta, marchigiana e umbra, con i soggetti sacri dipinti per esempio dal Maestro della Cappella Dotto, da Iacobello del Fiore, dal Maestro di Fossa.
Introdotto da una prefazione di Everett Fahy e da un saggio dell’autore, il volume si compone di schede critiche corredate da immagini a colori delle opere e bibliografia completa.

Versione digitale disponibile su 

http://digital.casalini.it/9788874615100

Peso 1.8 kg
Dimensioni 24.5 × 29 cm
Pagine

240

Rilegatura

Cartonato con sovraccoperta

Illustrazioni

76 a colori e 91 b/n

Lingua

Inglese

ISBN

978-88-7461-150-8

Ti potrebbe interessare…