Alle origini dell’arte di Lucio Fontana 26 Aprile 2019 – Edito in: Prossime uscite

Il 21 luglio 2019 la Società Dante Alighieri inaugura Lucio Fontana. Los origines nella prestigiosa ala espositiva del Museo Castagnino di Rosario in Argentina, una mostra per ricostruire una parte ancora non adeguatamente messa in luce delle vicende di uno dei protagonisti indiscussi dell’arte del XX secolo, un artista in grado di simboleggiare l’unicità del legame tra Italia e Argentina.

La mostra raccoglie una selezione di 64 disegni dagli anni trenta ai primi anni cinquanta del XX secolo, provenienti dal CSAC di Parma – Centro Studi e Archivio della Comunicazione, a cui sono stati donati con atto pubblico dalla vedova dell’artista nel 1988.

Lucio Fontana, artista eclettico (scultore, pittore, ceramista…) dall’istinto sperimentale, celebrato soprattutto per la svolta avvenuta a partire dal 1946, con lo sviluppo dell’arte spazialista, la stesura dei “Manifesti” e la successiva pratica dei “tagli” sulla tela, ha accompagnato per tutta la vita l’attività d’avanguardia con la pratica quotidiana della terracotta, della scultura e del disegno figurativo.

Giuseppe Mazzotti e Lucio Fontana con la scultura Coccodrillo e Serpente, Albissola 1936

Giuseppe Mazzotti e Lucio Fontana con la scultura Coccodrillo e Serpente, Albissola 1936

Lucio Fontana nacque da famiglia italiana a Rosario di Santa Fe e lì ha lasciato testimonianze della sua attività artistica giovanile, nei primi anni venti, dapprima nell’impresa paterna e poi nello studio personale.

Il racconto della mostra parte proprio dagli anni argentini di “bottega”, quando il giovane Lucio matura definitivamente la convinzione, in seguito a successi e approvazioni in terra natia, che essere artista è la sua vera vocazione; e prosegue  lungo l’arco della sua carriera mostrando un interesse che spazia attraverso il corpo umano, la composizione, l’architettura.

Lucio Fontana
Los origines

brossura con bandelle
21 × 27 cm, pp. 112
80 illustrazioni a colori e 20 b/n
isbn 978-88-7461-470-7 spa/ita

« Leonardo: quella giunzione tra cielo e terra
Delizie pasquali: il pan di ramerino, religiosamente semplice »