Pontormo
Diario

,

con una postfazione di Sara Fanucci

Ormai sessantenne, Jacopo Carucci, detto il Pontormo, decise di iniziare a tenere un diario la domenica di Pasqua del 1554, annotando sia i dettagli relativi alla sua salute, sia i progressi nei suoi affreschi, sia soprattutto le sue abitudini alimentari. Scoperto nel 1902 e conservato nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze all’interno del codice Magliabechiano VIII 1490, il documento noto come “diario” o “libro mio”, scritto negli anni 1554-1556 in cui l’artista era impegnato nell’affrescatura del coro della Basilica di San Lorenzo, ha svolto un ruolo centrale nella ricostruzione della sua personalità. Il diario è suddiviso in due parti: una costituita dal vero e proprio libro di ricordi che il pittore tiene dal 7 gennaio 1554 al 23 ottobre 1556, una più breve denominata comunemente “Prescrizioni e ricordi” in cui si danno consigli per avere cura della salute. Il testo, che documenta l’eccezionale ricchezza del lessico in uso nei settori dell’alimentazione e della gastronomia nella Firenze del XVI secolo, è seguito da una postfazione di Sara Fanucci che fornisce un’esauriente nota filologica sulla storia del diario e un ampio e accurato glossario commentato che illustra la terminologia culinaria utilizzata dall’artista.

Versione digitale disponibile su http://digital.casalini.it/9788874615094

Eur 11,90

Peso 0.2 kg
Dimensioni 12 × 17 cm
Pagine

120

Rilegatura

Cartonato mezza tela

Lingua

Italiano

ISBN

978-88-7461-228-4