Coluccio Salutati
e l’invenzione dell’Umanesimo

a cura di T. De Robertis, G. Tanturli, S. Zamponi

Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, 2 novembre 2008-30 gennaio 2009

Notaio di provincia diventato – e rimasto per oltre trent’anni – cancelliere di Firenze, Coluccio Salutati (1331-1406) è una figura fondamentale dell’Umanesimo: al centro di una fitta rete di scambi epistolari che lo videro corrispondere con potenti e letterati di mezza Europa (fra cui Petrarca e Boccaccio), fu accanito lettore e “cacciatore” di testi classici (di cui favorì la riscoperta e la circolazione), scrittore, promotore dello studio del greco e della riforma della grafia da cui nacque la scrittura umanistica (e poi quella moderna), e punto di riferimento per generazioni di intellettuali che furono suoi amici (Niccoli), allievi (Bracciolini, Bruni) o lettori (il resto del Quattrocento).

Curato da Teresa De Robertis, Giuliano Tanturli e Stefano Zamponi e introdotto da saggi dedicati a vari aspetti della figura e dell’opera di Salutati (biografia e carriera politica, scritti, biblioteca, rapporti, iconografia), il catalogo della mostra (Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, 2 novembre 2008-30 gennaio 2009) si compone di oltre cento schede di manoscritti provenienti dalle principali biblioteche italiane e straniere, divisi in quattro sezioni: vita e rapporti, opere, biblioteca (codici a lui appartenuti) e “officina” scrittoria (codici autografi o trascritti da copisti di fiducia).

 

Versione digitale disponibile su

http://digital.casalini.it/9788874614431

Eur 120,00

Peso 2,2 kg
Dimensioni 24,5 × 29 cm
Pagine

400

Rilegatura

Brossura cucito

Illustrazioni

20 a colori e 164 b/n

Lingua

Italiano

ISBN

978-88-7461-124-9

Ti potrebbe interessare…